Pavarolo_veduta

Programma Riva di Chieri e Pavarolo: L’udito

“Oltre” cinque sensi per il Piemonte

Sabato 10 giugno  “L’udito – RIVA DI CHIERI E PAVAROLO

 Ore 10.00 Ritrovo in piazza della Parrocchia, secondo modalità concordate con Antonella, di fronte al Museo in Palazzo Grosso di Riva di Chieri, piccolo comune dell’Area Metropolitana di Torino. Il primo documento che attesta l’esistenza del comune di Riva presso Chieri risale al 1152: si tratta di un atto dell’imperatore Federico I Barbarossa. Dal XIII secolo la storia di questo comune si lega strettamente a quella di Chieri che si avviava a diventare uno dei liberi comuni principali del  Piemonte.

Ore 10.15 Visita a Palazzo Grosso e il Museo del paesaggio sonoro. Quante storie e tradizioni sono legate ad un piccolo Borgo? Riva presso Chieri racchiude nel suo centro non solo due chiese fulcro della vita religiosa, ma anche un affascinante palazzo che ospita al suo interno il Museo del Paesaggio Sonoro con la sua importante collezione di strumenti musicali che vogliono ricordarci i suoni di una tradizione lontana… Alla giovane contessa Faustina Grosso in Mazzetti di Montalero si deve la ricca ed originale decorazione interna del palazzo, opera dei fratelli Torricelli chiamati ad affrescare le magnifiche sale del piano nobile. Il gusto aggiornato dei committenti e l’abilissima tecnica degli artisti fanno di queste decorazioni un ciclo unico nel suo genere, dove l’amore per l’arte antica si mescola al sapiente uso della tecnica trompe-l’oeil: la sala etrusca, la sala cinese, la sala a finto legno stupiranno ed “inganneranno” l’occhio dei visitatori. Nelle sale dell’ultimo piano invece sarà possibile intraprendere un viaggio attraverso i suoni legati alla tradizione e alla vita della comunità: le campane, le feste, i fischietti, i richiami per la caccia e tanti altri oggetti in grado di suonare.

Ore 11.30 Visita alla Parrocchiale di Maria Vergine Assunta. Di antiche origini fu ricostruita su progetto dell’arch. Plantery (1725), completata dall’arch. Bernardo Vittone che vi lavorò fino al suo decesso avvenuto nel 1770. L’edificio fu terminato nel 1792  grazie alla direzione dell’architetto  Dellala di Beinasco. La facciata e la grande cupola a pianta ottagonale sono opera del Vittone.

Ore 12,15 Visita alla chiesa della Confraternita di Santa Croce (fondata nel 1587) e a cui era annesso un monastero benedettino. Nel XVIII secolo la chiesa venne ampliata. L’aula è divisa in due da una balaustra lignea: la prima parte è riservata ai fedeli, la seconda, in cui si trovano l’altare e parte di bellissimo coro di legno, è destinata al clero. La cupola fu realizzata da Vitaliano de Grassis nel 1739: l’affresco rappresenta il trionfo della vera Croce la cui storia  del ritrovamento è “raccontata” nei pennacchi. All’interno della chiesa vi sono alcune statue, opera di Carlo Giuseppe Plura.

Ore 13.00 Pranzo Associativo presso il ristorante “Nazionale” situato nel centro storico di Riva di Chieri. Sarà proposto un pranzo piemontese, semplice e caratteristico.

Ore 14.45 In automobile, alla volta di Pavarolo.

 Ore 15.30 Visita allo Studio-Museo Casorati di Pavarolo (TO), in via del Rubino 9 e alla mostra,  curata da Francesco Poli, “Opere grafiche” con 26 litografie realizzate da Felice Casorati negli anni Quaranta e Cinquanta. Il paese di Pavarolo fu scelto da Felice Casorati e dalla moglie Daphne Maugham come luogo di vacanza: nel 1930, acquistarono la “casetta bianca” di via Maestra. Lì, poco sotto al giardino, il maestro costruì il suo studio, con vista sulle colline di fronte ordinatamente coltivate, presenti in numerosi suoi quadri; in quel paese, luogo di rifugio per tutta la famiglia durante gli anni della guerra, il suo lavoro, racconta Felice, “diventò più sereno, più sicuro e più calmo”.

Ore 16.15 Passeggiate per il borgo

Il paese appare dominato dall’ imponente mole del Castello, dalla Torre Campanaria e dalla Chiesa di S. Maria dell’Olmo. Percorrendo la via Maestra, dove le case si susseguono con continuità lungo un unico asse principale, che rappresenta il centro storico e commerciale del paese, oltre la casa Casorati s’incontra Villa Enrichetta (bellissima villa storica del 1700). Proseguendo si giunge alla cappella di S. Sebastiano. Il piccolo borgo è dominato dalla chiesetta  di San Defendente e della Consolata, risalente al 1600.

Ore 17.00  Si riparte per Torino…

Vi ricordiamo che alle ore 21,00 il “nostro” Edoardo, ci propone con la “sua” compagnia teatrale Avanzi di Scena, un nuovo e divertente spettacolo, “Omicidio al castello”; presso l’ ex cinema Cuore, via Nizza 56 bis.  Come sempre Edoardo è da non perdere  !

Modalità di partecipazione

Partenza ore 8,50 in corso Stati Uniti angolo corso Re Umberto, salvo diversa indicazione trasmessa al momento della prenotazione secondo l’organizzazione delle automobili. Il rientro è previsto verso le 18,00. Per ragioni organizzative è necessario prenotare entro il martedì 6 giugno, dando indicazione della  disponibilità dell’automobile o della necessità di un passaggio.

Costo onnicomprensivo euro 35,00. Al fine di cogliere le esigenze di tutti, per chi non fosse interessato al pranzo (dalle 13,15 alle 15,00), Euro 15,00.

L’iniziativa è riservata: per garantirsi la possibilità di partecipazione è necessario essere soci secondo l’eccezionale campagna iscrizioni 2017 oppure essere possessori della “CARTA OLTRE CINQUE SENSI PER IL PIEMONTE”: Iscrizione annuale giovani (sotto i 35 anni), Euro 10,00 ; Iscrizione annuale single, Euro 30,00; Iscrizione annuale “di coppia”, Euro 50,00; Socio benemerito, Euro 50,00; Carta  “OLTRE CINQUE SENSI PER IL PIEMONTE” valida per due visite Euro 10,00.

Per informazioni e prenotazione obbligatoria:  Antonella via s.m.s. o cell. 3356784471, o via em: antonellacontardi@libero.it)